Nel 2011 La Petrognola raggiunge il traguardo produttivo dei 900 hl che segnano inevitabilmente un nuovo punto di snodo per lo sviluppo del birrificio.

A cavallo tra il 2012 e il 2013 avviene il trasferimento nel nuovo sito produttivo a pochi metri dal precedente ma con spazi e possibilità di sviluppo molto diverse: 900 mq di struttura con 2.000 mq di spazio esterno, un laboratorio di 300 mq, una cella di maturazione di 180 mq e uno spazio dedicato alle giacenze di magazzino e uffici per 420 mq.

Le macchine del laboratorio comprendono una nuova sala cottura da 2000 litri della Eco Brew Tech, con affiancati 2 tank da 5000 litri, uno per acqua calda e l’altro acqua fredda, che permettono di procedere anche una doppia cotta senza interruzioni o pause. I 6 nuovi fermentatori da 2000 litri permettono una capacità produttiva di 6000 litri a settimana, che possono essere tradotti in 3000 hl l'anno.

La parte più interessante in assoluto è però la linea d’imbottigliamento. E’ composta dal monoblocco già esistente e con l’aggiunta di due nuove macchine: una soffiatrice e una etichettatrice molto più dinamica e prestazionale della precedente. Con questa linea riusciamo a imbottigliare ed etichettare nello stesso tempo 4000 litri di birra al giorno, con un notevole risparmio di tempo e di energie.